Skip to content

Dankort, ovvero l’alternativa danese ai contanti

by Paolo on ottobre 24th, 2010

Ieri siamo andati in un grande centro commerciale a sud della citta’ (Fields), dovevamo comprare una padella…

Mentre siamo in coda alla cassa, la persona prima di noi prova a pagare con la sua carta di credito. Una breve attesa, poi lo sguardo preoccupato della cassiera, che alza il telefono per chiedere istruzioni ai superiori: la carta non funziona. Alziamo lo sguardo e ci rendiamo conto che in tutte le altre casse si sta verificando la stessa scena: tutti i cassieri con la cornetta in una mano, mentre con l’altra provano e riprovano ad inserire la carta nel lettore. In poco rendiamo conto che le carte non funzionano in tutto il centro commerciale e la gente cerca freneticamente i bancomat, per poi scoprire che anch’essi sono fuori uso. E’ stata una scena al tempo stesso apocalittica e divertentissima.

Infatti ieri, alle 12.30, e’ andato fuori uso il sistema delle carte di credito in tutta la Danimarca, che si e’ ripreso soltanto due ore piu’ tardi.

La cosa era particolarmente tragica in Danimarca, perche’ qui la maggior parte della gente gira senza o con pochissimi contanti, ma armata di Dankort, l’equivalente della carta bancomat. Qualsiasi negozio accetta la Dankort (mentre alcuni non accettano le altre carte di credito), anche per spese davvero minime, sotto 1 Euro, e nessun negoziante si sogna di battere ciglio per questo. In alcuni casi (ad esempio uffici che ricevono pagamenti oppure macchinette automatiche) si puo’ pagare solamente con la carta e non con i contanti.

Tutte le Dankort hanno il chip, e funzionano inserendo il codice pin, non firmando. Inoltre nei negozi il lettore delle carte di credito e’ dalla parte del cliente, che da solo inserisce la carta e digita il pin.

Un’altra cosa interessante e’ che si possono prelevare contanti quando si paga con la Dankort nei negozi: la domanda magica, fatta dal cassiere, e’ “På belobet?”, che significa “All’importo?” Se si risponde “si'” si paga semplicemente, altrimenti si puo’ chiedere di avere una somma in contanti in piu’, che viene addebitata sulla carta.

Considerando che ormai da alcuni anni non vengono usati assegni in Danimarca, potete immaginare che posto importante rivestano le carte di credito nei pagamenti in tutto il paese!

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

From → vita danese

2 Comments
  1. Chiara permalink

    Sono un po’OT, lo ammetto, ma non sapevo scegliere quale dei vostri post commentare…Adoro Copenhagen. Fino a qualche anno fa ci andavo almeno una volta l’anno ( tipo richiamo del vaccino)..ora è un po’ che per un motivo o per l’altro non riesco a passare di lì.Balena da un paio di anni l’idea per me, la mia compagna e i nostri gatti di trasferirci lì. Non so se troveremo il coraggio di farlo ma sicuramente leggere il vostro blog mi ha infuso molta voglia di mettere in atto quest’idea! Continuate a scrivere!!!!!!

    • Ciao Chiara, grazie del commento!
      Magari un giorno ci incontreremo qui a Copenhagen!

Comments are closed.